30 Lug 2017

Junker, l’app che semplifica la raccolta differenziata

Vi siete mai chiesti “esiste una app per la raccolta differenziata che mi indichi dove buttare i rifiuti”? La risposta è sì, e questa app si chiama Junker.

Come funziona l’app per la raccolta differenziata

Attraverso la fotocamera dello smartphone, l’app scansiona il codice a barre presente sugli imballaggi, riconosce le materie prime che lo costituiscono e ci segnala qual è il cestino corretto; per esempio, per la bottiglia del latte indicherà dove devono finire il tappo, il contenitore e l’etichetta.

Sono stati inseriti oltre un milione di prodotti, ma se proprio il nostro non fosse in archivio, basterà fotografarlo (sempre tramite l’app) e cliccare invio, per ricevere informazioni nel giro di qualche minuto.

L’app per la raccolta differenziata contiene il calendario ritiri della tua città

Sfruttando la geo-localizzazione, Junker mostra anche l’ubicazione dei punti di raccolta nei dintorni: isole ecologiche, cassonetti di raccolta di abiti usati, RAEE, oli esausti, pile, medicinali e tutto quello che non può essere riciclato con ladifferenziata domestica.

In più, se nel comune è attiva la raccolta differenziata porta a porta, si possono ricevere le notifiche in base al calendario dei ritiri, che si aggiorna in automatico in caso di variazioni, così da facilitare il posizionamento del contenitore giusto a seconda che sia il turno della carta, plastica o organico.

L’app per la raccolta differenziata è in diverse lingue

Per gli stranieri che parlano poco italiano nessun problema: Junker è disponibile anche in inglese, tedesco e francese. Insomma, è praticamente impossibile fare errori e non ci sono più scuse per l’accumulo di rifiuti nell’indifferenziata, perché in caso di dubbi basta usare questa semplice applicazione.

Oltre a Junker, è bene sapere che molte aziende che si occupano della raccolta dei rifiuti hanno sviluppato proprie app per aiutare i cittadini a differenziare in modo corretto: è sufficiente selezionare il Comune di riferimento, il tipo di prodotto e ricevere la risposta alla domanda “dove lo butto?”.

< TORNA ALL'ELENCO NEWS